Occhio alla reputation

10 Marzo 2017
commenti (0)
scrivi commento
Il crowdfunding parte da un’idea, si evolve in un progetto e vince grazie alla reputation. Questa semplice “massima” trova spesso la sua applicazione sulla Rete dove quello che conta, per un ristorante come per un sito di e-commerce, per un datacenter come per un influencer, è quanto il web ritenga affidabile l’inserzionista o il progetto.

Per avere successo in un contesto così vasto come Internet è fondamentale riuscire ad acquisire credibilità, occorre cioè conquistarsi la fiducia del pubblico e dei target. Per questo,nel momento in cui si decide di presentare un progetto,è importante averealle spalle una reputationsolida e positiva. Gli elementi per poterla valutare sono ovviamente il successo di precedenti campagne, il valore, anche offline del proprio brand, la qualità delle ricompense e la sollecitudine con cui vengono recapitate. Di converso non occorre incappare in errori grossolani come richieste di finanziamenti eccessiveo, addirittura caricare una presentazione piena di errori ortografici!!!! Il rischio infatti è di crearsi una pessima reputazione.

Per questo l’analisi di The Funding Spirit, svolta a monte della predisposizione della campagna, considera come fattore decisivo la reputation ed evita di commettere errori macroscopici che, una volta visibili a tutti rischiano di produrre una negativa reputazione che compromette l’intero progetto e portano al mancato raggiungimento dell’obiettivo. Questo anche sela campagna è valida e ben pianificata.

Contattaci e ti daremo una mano -> https://www.thefundingspirit.com/
 

Torna indietro